La globalizzazione, il villaggio globale, l’era dei social network e delle campagne di marketing online.

Questa è l’epoca che viviamo, eppure, qualche giorno fa ho portato mia figlia a mangiare un gelato, ci siamo fatti belli (per quanto mi è possibile) e siamo usciti.

Arrivati in gelateria, al momento di pagare insieme al resto il gelataio mi da un biglietto, neanche un volantino!

Festa di Colonnata (Notte Bianca), unica giostrina, se consegni questo tagliando alla giostra, sconto del 50%.

Il tagliandino termina con la frase: Ringrazia il tuo commerciante.

Voi cosa avreste fatto? Un giro di giostra al vostro bimbo non lo avreste fatto fare? ma anche più di uno a questo punto.

Ora non siamo qui per dire se è stata una buona idea o meno, e come sarebbe rientrato dei costi il giostraio, se per caso ha pattuito qualcosa con i negozianti che distribuivano il volantino.

Però ciò che attira la mia attenzione è la semplicità del tutto, e l’efficacia che questa ne comporta.

Pensateci, in un piccolo paese, nel giorno della festa di piazza, che farsene di Facebook o di Google ? Che farsene delle campagne pubblicitarie sui periodici o di manifesti pubblicitari?

Ecco la Giostrina!

Basta un po’ di creatività, senso pratico e cooperazione e il risultato ottenuto può essere ottimo, come in questo caso.
Insomma, la semplicità paga, la cooperazione anche. I clienti aumentano.

Basta poco.